User login

You are here

Corriere della Sera: recruitment in Italian Academia

Mike Ciavarella's picture

A tutti i colleghi italiani:   E' stata pubblicata qua.  Il testo è anche in coda.

To all italians abroad, but also to the ones who want to enter the very difficult and close italian system, we have a letter here

 

We wrote a proposal for recruitement in italian academia in a major newspaper, Corriere della Sera.   A translation follows.

Despite it does not affect me, since I am full professor, I have been asked to coordinate the effort to write the letter in the major newspaper since I am the founder of the ASN facebook group.

 

THE LETTER

"We are qualified to teach but excluded from the university. A paradox to remedy »

From 2013 to today 45 thousand aspiring prof have achieved the National Scientific Qualification but very few have obtained a place. Excluded from the competitions reserved for "locals", now they are launching a proposal. Why not create a ranking from which to automatically recruit new hires as you do at school?

by Michele Ciavarella *, Luisa Paternicò, Mirko Piersanti, Cristiano Capurso, Paola Pontrelli, Valentina Sommella, Benedetta Belloni, Dado Curajii Calì, Katia Ballacchino, Michele Burgio, Francesca Tizi, Giovanni Bronzetti, Claudia Di Fonzo Marcotullio, Sergio Audano, Valeria Saggiomo, Nicola Strizzolo, Mara Nerbano and other signatures follow on the facebook group

 

President Grasso has the merit of having raised the theme of the University in this election campaign, in a strong way, and with precise figures. In fact, his proposal to "abolish taxes" necessarily corresponds to an injection into the system of about € 1.3 billion, which is not small compared to the current financing, or rather around 20%. Other parties we do not think have expressed opinions to propose sums of such entities. However, we would like to underline, as many have done before us, how much the cost of taxes is not the only priority in a system that has been suffering for years. Low-income families are already exempted (up to 13,000 euro ISEE), and as many have said, it would end up facilitating those who do not need this help.

 

Instead, great suffering in the Italian University exists and risks undermining the quality of the same to much greater detriment of the families to which President Grasso addressed with the proposal to cancel the taxes. This suffering consists of a large number of young people of value who are abroad or are at home, but demoralized or under-teamed, or totally unemployed, despite having obtained many degrees to have the National Scientific Qualification, therefore «qualified» to carry out roles of Associate professor, or even Ordinary. They do not enter service, simply for money matters, without which the Universities can not ban the competitions.

 

Since the National Habilitation was established (in 2013) a Facebook group has been created  to try to help those who were preparing to apply, or even those who already had a previous qualification, to discuss the various aspects of complex bureaucratic issues that need to know to participate and maximize the chance of success. Yes, because to participate in the announcement, it is not only necessary to "send a CV", but to enclose in various tables every little detail of merit that serves to the commissioners to judge the suitability to associate or ordinary professor. It is necessary to satisfy "bibliometric" requirements (in many cases), so as to be "better than 50% of the teachers currently in service", perhaps from an evolutionary perspective, of improvement. But this is not enough. We have seen thousands of discussions, thousands of questions, frustration, anger, proposals for improvement of the recruitment system.

 

The proposal made by the Undersecretary for Presidency Nannicini at the time to establish rankings was perhaps not bad. Today, however, we expect the promotion by passing a second local competition, which is generally reserved for locals (in a certain open contradiction with a long jurisprudence against "reserved" competitions) that the Gelmini Law has permitted in a transitory, which seems now steady state. But the details change all the time, and every financial adds variations on the subject, such as the transfer of teachers from "financially suffering" locations such as Salento and Cassino to more solid locations. But only a few decades ago, politics wanted to expand the universities in the territory in a capillary way and schools were joined by the largest universities, for the purpose of enlarging the graduate population, a goal that has not yet been achieved, since we are behind all the European countries. So why reverse the route now?

The questions that occur in the group are many, and not all in the same direction, so this letter does not want to propose a single solution, and does not want to make a shared proposal on how to better distribute the amount that Grasso had in mind. It is up to politics to arrive at the most appropriate proposals, as long as there is an injection of places. An amendment to the budget of Senator Fabrizio Bocchino (now also in the same political group of Grasso) had calculated the amount necessary to follow up all the qualifications at about 600 million euros, and therefore we are well below the half of the figure we are talking about with the abolition of taxes. You can find compromises and optimal solutions. It would give new life to a system that for years has been suffocated with the motivation of the "economic crisis", as if the periods of economic crisis were not those in which we must profit to consolidate and invest in the education system, to reach the period more prosperous with so many young people trained at international level who can bring into the world of work, research and industrial development, a contribution to make us overcome the real global challenges. Because those qualified to do university professors are not included in a list or ranking from which you automatically draw for new hires, as with other categories, such as teachers, but also the magistrates, or in the competitions of the military, in the ranking to exhaustion where sooner or later you are hired? The question is not, of course, only addressed to Grasso, but to all the political forces who are preparing for the electoral campaign, and it is good that they give answers or make concrete promises and solemn commitments. Please note: no one asks for mass recruitment without a competition: but only consider adequate resources in the face of 45,000 qualified from 2013 to date, of which only a small part has found a place.

* Polytechnic of BARI, founder of the ASN group

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In italian.

 

LA LETTERA

«Noi abilitati a insegnare ma esclusi dall’università. Una beffa da rimediare»

Dal 2013 a oggi 45 mila aspiranti prof hanno conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale ma pochissimi hanno ottenuto un posto. Esclusi dai concorsi riservati ai «locali», ora lanciano una proposta. Perché non creare una graduatoria da cui pescare in modo automatico i nuovi assunti come si fa a scuola?

di Michele Ciavarella*, Luisa Paternicò, Mirko Piersanti,Cristiano Capurso, Paola Pontrelli, Valentina Sommella, Benedetta Belloni, Dado Curajii Calì, Katia Ballacchino, Michele Burgio, Francesca Tizi, Giovanni Bronzetti, Claudia Di Fonzo Marcotullio, Sergio Audano, Valeria Saggiomo, Nicola Strizzolo, Mara Nerbano e altre firme seguono sul gruppo facebook

 

 

Il Presidente Grasso ha il merito di aver sollevato il tema della Università in questa campagna elettorale, in modo forte, e con cifre precise. Infatti, la sua proposta di «abolire le tasse» corrisponde necessariamente a una iniezione nel sistema di circa 1,3 mld di euro, che non sono pochi rispetto al finanziamento attuale, anzi circa il 20%. Altri partiti non mi pare si siano sbilanciati a proporre somme di tali entità. Tuttavia ci sentiamo di sottolineare, come molti hanno fatto prima di noi, quanto la spesa delle tasse non è l’unica priorità in un sistema da anni sofferente. Le famiglie a basso reddito sono già esentate (fino ai 13mila euro ISEE), e come molti hanno detto, si finirebbe per agevolare chi non ha tanto bisogno di questo aiuto.

Invece una grande sofferenza nell’Università Italiana c’è e rischia di minare la qualità della stessa a molto maggiore detrimento delle famiglie cui il presidente Grasso si rivolgeva con la proposta di azzerare le tasse. Tale sofferenza è costituita da una gran quantità di giovani di valore che sono all’estero o sono in patria, ma demoralizzati o sottoinquadrati, o del tutto disoccupati, nonostante abbiano conseguito tanti titoli da avere la Abilitazione Scientifica Nazionale, quindi «abilitati» a svolgere ruoli di professore Associato, o addirittura Ordinario. Non entrano in servizio, semplicemente per questioni di soldi, senza i quali le Università non possono bandire i concorsi.

 

Da quando è stata istituita la Abilitazione Nazionale (nel 2013) si è creato un gruppo facebook per cercare di aiutare chi si apprestava a fare domanda, o anche chi aveva già una precedente idoneità, a discutere dei vari aspetti di complesse questioni burocratiche che serve conoscere per partecipare e massimizzare la possibilità di riuscita. Sì, perché per partecipare al bando, non serve solo «inviare un CV», ma incasellare in varie tabelle ogni piccolo particolare di merito che serve ai commissari per giudicare l’idoneità a professore associato o ordinario. Serve soddisfare dei requisiti «bibliometrici» (in molti casi), in modo da essere «migliori del 50% dei docenti attualmente in servizio», in un’ottica forse evoluzionistica, di miglioramento. Ma questo non basta. Abbiamo visto migliaia di discussioni, migliaia di domande, frustrazione, rabbia, proposte di miglioramento del sistema di reclutamento.

La proposta che fece il sottosegretario alla presidenza Nannicini all’epoca di istituire delle graduatorie forse non era male. Oggi invece si aspetta la promozione superando un secondo concorso locale, che in genere è riservato a locali (in una certa aperta contraddizione con una lunga giurisprudenza avversa ai concorsi «riservati») che la Legge Gelmini ha permesso in un transitorio, che transitorio non è. Ma i dettagli cambiano di continuo, e ogni finanziaria aggiunge varianti sul tema, come il trasferimento di docenti dalle sedi «finanziariamente sofferenti» come Salento e Cassino a sedi più solide. Ma solo pochi decenni fa la politica voleva appunto espandere le Università nel territorio in modo capillare e Scuole furono gemmate dalle Università più grandi, per lo scopo di allargare la fetta di popolazione laureata, scopo ancora non raggiunto, visto che siamo indietro rispetto a tutti i Paesi Europei. E allora perché invertire la rotta ora?

Le domande che ricorrono nel gruppo sono tante, e non tutte nella stessa direzione, per cui questa lettera non vuole proporre una sola soluzione, e non vuole fare una proposta condivisa su come distribuire meglio la cifra che Grasso aveva in mente. Sta alla politica arrivare alle proposte più opportune, purchè una iniezione di posti ci sia. Un emendamento alla Finanziaria del senatore Fabrizio Bocchino (ora peraltro nello stesso gruppo politico di Grasso) aveva calcolato in circa 600 milioni di euro la cifra necessaria a dare seguito a tutte le abilitazioni, e quindi siamo ampiamente sotto la metà della cifra di cui si parla con la abolizione delle tasse. Si possono trovare compromessi e soluzioni ottimali. Si darebbe nuova linfa ad un sistema che da anni viene asfissiato con la motivazione della «crisi economica», come se non fossero proprio i periodi di crisi economica quelli in cui bisogna profittare per rinsaldare e investire nel sistema dell’Istruzione, per arrivare al periodo più florido con tanti giovani formati a livello internazionale che possano portare nel mondo del lavoro, della ricerca e dello sviluppo industriale, un contributo per farci vincere le vere sfide globali.

 

Perché gli abilitati a fare i professori universitari non vengono inseriti in una lista o graduatoria da cui si pesca in automatico per le nuove assunzioni, come con altre categorie, come ad esempio gli insegnanti, ma anche i magistrati, o nei concorsi dei militari, in graduatoria ad esaurimento dove prima o poi si viene assunti? La domanda non è naturalmente solo rivolta a Grasso, ma a tutte le forze politiche, che si apprestano alla campagna elettorale, ed è bene che diano risposte o facciano promesse concrete e impegni solenni. Nota bene: nessuno chiede assunzioni in massa senza concorso: ma solo che si pensi a risorse adeguate a fronte di 45mila abilitati dal 2013 ad oggi di cui solo una parte minima ha trovato collocazione. 

*Politecnico di BARI, fondatore del gruppo ASN

 

 

 

PS.  Aggiunto il testo esplicativo dell'emendamento Bocchino, che contiene anche dati interessanti.  Molto probabilmente il motivo per cui l'emendamento Fabrizio Bocchino, a mio avviso, non è passato e non aveva molta speranza, era che fosse troppo simile alle "ope legis" (e non di portata piccola, era più importante delle famose ope legis degli anni 80 che tutti guardano come un errore dell'Università Italiana). Con tutto il rispetto per il sen.Fabrizio Bocchino che sicuramente aveva le migliori intenzioni, e nel breve di un emendamento aveva scelto l'unica via percorribile con semplicità, non era poco far passare 40 mila docenti e in automatico, di cui il 70% sono già interni --- quindi parliamo di promozioni interne, e il 30% solamente è esterno.

La diluizione temporale in 3 anni forse serviva per agevolarne il passaggio nella legge finanziaria, ma sicuramente avrebbe voluto significare che una prima ondata magari ci sarebbe stata, poi si sarebbe bloccato tutto. 

Insomma, questi tentativi radicali di far assumere tutti gli abilitati sono presi dalla gran parte delle forze politiche per ope legis, forse anche a ragione. Non a caso il trend degli ultimi anni è stato di stringere sulla spesa e bloccare il turn-over, introducendo tutta una serie (per quanto imperfetta) di passaggi di "valutazione", nelle persone, nei dipartimenti, nelle Università ----- che a volte penalizzano le persone solo perchè si trovano in certi dipartimenti o in certe sedi, e a volte invece non valutano le punte di eccellenza (le valutazioni tipicamente sono tagliate a pochi prodotti, come 2 nella VQR).  Quindi, dal mio punto di vista, dovremmo chiedere un meccanismo di selezione che aggiunga un passaggio meritocratico, mentre chiediamo maggiori finanziamenti. 

Si dovrebbe invece prendere spunto da una versione addolcita di cattedre Natta, che sono fallite perchè erano un'idea troppo radicale in molti aspetti, dalla nomina di commissioni di scelta politica, allo stipendio diverso dagli attuali docenti.  Se le cattedre Natta, che avevano un consenso nel Governo di esigenza di introdurre anche dall'estero degli eccellenti, sono fallite, era per molti aspetti critici, ma correggere quella strada e riprenderla molto migliorata potrebbe essere una manovra meritocratica finanziabile. Sempre secondo il mio modesto ragionamento.

Il difetto dell'emendamento Bocchino, anche se formalmente manteneva un secondo concorso come da Legge Gelmini, è che dando 600 milioni per far passare tutti gli abilitati ASN, il passaggio diventava formale:  quindi un'ope legis.  Peraltro il concorso locale avrebbe agevolato solo gli interni, mentre quello aperto all'esterno avrebbe configurato il pericolo di svuotare le università del sud ---- in dipendenza ovviamente di come fossero state assegnate le risorse, cosa che molto probabilmente sarebbe stata fatta in modo anche qua "meritocratico", quindi a vantaggio di certe Università.  Quindi a fronte di questi rischi, e di una spesa non indifferente di 600 milioni di Euro, l'emendamento Bocchino non è piaciuto. Probabilmente si riteneva che dare in pasto 600 milioni direttamente agli universitari, in modo indifferenziato secondo tutte le abilitazioni ASN, anche stravolgendone il senso, avrebbe creato una cattiva spesa. 

Comments

Mike Ciavarella's picture

carissimi

 

 a seguito della ns lettera a Corriere, che abbiamo tradotto e postato anche su un blog di Harvard, http://imechanica.org/node/22065, anche per gli aspetti internazionali della difficilissima entrata da parte di "esterni" o addirittura non "locali" nelle Università Italiane, c'è un certo dibattito sul gruppo ASN https://www.facebook.com/groups/166806536849115/ nel quale siete benvenuti a partecipare.  Ovviamente le proposte sono di vario tipo, molti temono che ASN per es. scomparirà dopo questa tornata in atto, perchè già troppi sono gli abilitati. Prevale un'idea di chiedere con forza un finanziamento apposito (ma non lo chiamerei "straordinario") per sbloccare la situazione di questi oltre 40 mila giovani meritevoli (e altri che non abbiano ancora fatto la ASN ma che possano partecipare a questo nuovo "concorso"), che però perchè non sia "OPE LEGIS" passi da una nuova strettoia concorsuale ---- che di fatto sostituirebbe il concorso "locale".   Si tratterebbe quindi di una forma rivista e molto moderata delle "Cattedre Natta" che erano una ottima idea in linea di principio di Tommaso Nannicini, ma che è naufragata per tante resistenze interne in parte giustificabili per la ingiustificabile idea del trattamento economico diverso, e per la contemporanea idea di usare quei fondi per calmare la peraltro quasi altrettanto giusta protesta dei docenti anziani come me, che chiedevano "scatti" di stipendio.

 

Saluti, MC

 

 

Mike Ciavarella's picture

Salve,

 

   i membri del gruppo ASN su facebook mi hanno chiesto di aiutarli a lanciare la petizione 

 

"MIUR: Che i 1300 posti da Ricercatore RTD-B siano assegnati ai migliori abilitati personalmente" 

 

e vorrei sapere se potete darmi una mano aggiungendo la tua firma. Puoi saperne di più e firmare la petizione qui:

 

http://chn.ge/2DZH5it

 

 

Grazie!

Mike

Mike Ciavarella's picture

In only 3 days we obtained over 600 signatures for the petition to give priority to the ASN "abilitati" (italian habilitation) for the new 1300 jobs in Italian Academia!

This is way beyond any expectation

We need to keep going as in February the Ministry will give the final rules

http://chn.ge/2DZH5it

 

Mike Ciavarella's picture

The number of signatures has doubled to 1200.  This was frankly unexpected, and most likely this will attract serious attention.

If you want to sign, I remind you

http://chn.ge/2DZH5it

Mike Ciavarella's picture

After we took distance from a movement which has declared national strikes last year, and got some success with 10 000 academics who did not make exams last year to ask for their salary increase.

However, the government gave a 80 million euros/year increase, but only for the young faculty, and this has made the people who initiated the movement, Prof. Carlo Ferraro from Politecnico di TORINO, still unhappy.

Ferraro has declared a new strike for June, but in a letter to him, we asked for a complete REVISITATION of his priorities, putting students, assistant professors and associate professor recruitment in TOP priority, and not the salary increase of less young Full Professor.

After circulating the letter to Ferraro, the petition has jumped today only from 1300 signatures, to 6600 in few hours!  And this is not the end.

Newspapers start to talk about us, see here.

 

 

Mike Ciavarella's picture

Thanks to all the 10 000 scientists signing out petition to change the recruitment system in Italian Academia.

 

10 mila firme raggiunte! Vorrei ringraziare a nome di tutti gli amministratori e moderatori del gruppo ASN, i tanti firmatari della petizione, che sta andando a una velocità che MAI ci saremmo immaginati. Continuate a seguire la vicenda, e a discutere su come meglio continuare a spingerla e indirizzarla.

https://www.change.org/p/miur-che-i-1300-posti-da-ricercatore-rtd-b-sian...

Mike Ciavarella's picture

See here.  How petition has collected almost 13 000 signatures, including prestigeous names. See the link here

Mike Ciavarella's picture

I recommend reading this paper in Nature on our italian election and the fact that very few if any parties give attention to science and research:

http://italianengineers.blogspot.it/2018/02/nature-scrive-un-articolo-sulle.html

 

Mike Ciavarella's picture

 Some more coverage on national important newspapers.  Repubblica and  Sole24ore.
  Saluti  Michele Ciavarella

Subscribe to Comments for "Corriere della Sera: recruitment in Italian Academia"

Recent comments

More comments

Syndicate

Subscribe to Syndicate